Storie

Coronavirus – I fatti più importanti in breve

Pacchetto di misure per arginare le conseguenze economiche

Il Consiglio federale ha stanziato oltre 60 miliardi di franchi per arginare le conseguenze economiche della propagazione del coronavirus. Tra questi vi sono i seguenti :

  • Liquidità per aiutare le imprese
    Con dei crediti transitori (crediti COVID-19) le aziende interessate verranno sostenute in modo quanto più mirato e rapido possibile, evitando lungaggini burocratiche. Le richieste di credito possono essere inoltrate fino al 31 luglio 2020 questa pagina web covid19.easygov.swiss.
  • Lavoro ridotto
    Lavoro ridotto è stato semplificato ed esteso. Le misure disposte nell’ambito del diritto di necessità verranno ritirate gradualmente in concomitanza con le fasi di allentamento e di riavvio dell’economia  (communicato stampa del Consigilo federale, 20.5.2019). Il diritto straordinario al lavoro ridotto per le persone con funzione analoga a quella del datore di lavoro e i loro coniugi o partner registrati sarà revocato per la fine di maggio. Allo stesso tempo sarà revocato anche il diritto al lavoro ridotto per gli apprendisti. Verrà inoltre reintrodotto il termine di preannuncio. Informazioni dettagliate e domande sulle risposte più importanti sono disponibili sul sito web lavoro.swiss. Le domande devono essere presentate al servizio cantonale competente. Le persone particolamente a rischio hanno diritto all'indennità per lavoro ridotto.
  • Indennità di perdita di guadagno per i dipendenti
    Hanno diritto all’indennità di perdita di guadagno coloro che devono interrompere la propria attività lavorativa per accudire i figli a seguito della chiusura delle scuole e le persone in quarantena ordinata dal medico. La domanda deve essere inoltrata alla Spida. I rispettivi formulari li trovate sul sito della Spida.
     

Protezione della salute sul posto di lavoro

Ai sensi dell’articolo 6 della legge sul lavoro il datore di lavoro ha l’obbligo di prendere tutti i provvedimenti necessari per proteggere la salute dei propri lavoratori. I rischi legati all’epidemia richiedono infatti misure particolari e l’UFSP e la SECO hanno diramato apposite un promemoria per la protezione della salute sul posto di lavoro - COVID 19. Qualora sia oggettivamente impossibile attenersi alle misure in questione occorre interrompere l’attività, completamente o in parte. Questa decisione è di competenza del datore di lavoro e non è subordinata alla conferma dell’ispettorato cantonale del lavoro. Nel dubbio, quest’ultimo può tuttavia essere consultato. Se persone particolarmente a rischio non potessero, per tali motivi, proseguire le proprie attività è lecito richiedere un’indennità per lavoro ridotto.

Visto l'art. 7d dell'ordinanza 2 COVID-19 le raccomandazioni dell'Ufficio federale per la sanità pubblica devono essere rispettate. Soprattutto il numero delle persone presenti nei cantieri o nelle aziende ed evitare gli assembramenti di più di 5 persone. Per l'applicazione di queste direttive la SECO ha pubblicato una lista di controllo. La Suva ha pubblicato i relativi dettagli. La SUVA ha una hotline (041 419 60 00, LU-VE 8:00-17:00) per domande inerenti alla protezione dei lavoratori sui cantieri. Ulteriori informazioni anche sul sito della SUVA.

Le regole di igiene e di comportamento devono essere rispettate anche durante il lavori di assistenza tecnica o in azienda. EIT.swiss ha realizzato un volantino basato sulle raccomandazioni dell'UFSP. Per le aziende con negozi, EIT.swiss ha creato un modello di piano di protezione. Le disposizioni servono a stabilire misure di protezione interne all'azienda da attuare con la collaborazione dei lavoratori.

Altre informazioni utili

La KBOB formula delle raccomandazioni e, laddove necessario, redige schede informative destinate ai propri membri per aiutarli a risolvere eventuali questioni relative agli acquisti e ai contratti. Questi attualmente includono le raccomandazioni della KBOB del 27 marzo 2020 «Coronavirus. Margine di manovra volto ad attenuare gli effetti per l’economia svizzera nell’ottica del settore degli acquisti pubblici» e la scheda informative del 5 maggio 2020 sull’esecuzione dei lavori: indicazioni pratiche sui diritti derivanti dalla Norma SIA 118.

L'ESTI ha pubblicato delle FAQ su domande relative al virus corona. Questi saranno continuamente integrati e aggiornati. Poiché la situazione può cambiare regolarmente e l'ESTI deve rimanere agile, le correzioni sono inevitabili. Pertanto le FAQ devono essere visitate regolarmente. Potete trovare le FAQ direttamente sul sito web dell'ESTI.