Nuovo contratto collettivo di lavoro dal 1° gennaio 2020

Il prossimo 1° gennaio entrerà in vigore il nuovo contratto collettivo di lavoro del settore elettrico svizzero. Il contratto è il risultato delle trattative tra i sindacati e EIT.swiss e i cui delegati lo anno approvato lo scorso 12 settembre. Si applica a tutti i membri di EIT.swiss. Il 15 settembre 2020 il Consiglio federale ha decretato di obbligatorietà generale (DCF) diverse disposizioni del contratto collettivo di lavoro (CCL) del settore elettrico svizzero, con effetto dal 1° ottobre 2020 al 31 dicembre 2023. Dal 1° ottobre valgono le disposizioni del CCL elencate decreto del Consiglio federale anche per le aziende chi non sono soci di EIT.swiss. Così tutte le aziende del settore elettrico dispongono di nuovo delle stesse condizioni quadro contrattuali.  

Salari 2020

Collegata al nuovo CCL è anche una modifica del sistema salariale che entrerà in vigore il 1° gennaio 2021. Per il 2020 i partner sociali si sono accordati in precedenza per un aumento dei salari reali di CHF 100.-, esclusa l’indennità di rincaro dello 0,1%. Perciò i salari 2020 dovranno essere aumentati di CHF 100.- (per un’occupazione al 100%) più lo 0,1%. I salari minimi resteranno invariati.