Dati economici

Il settore elettrico riveste un ruolo fondamentale nell’ambito della tecnica della costruzione. Esso annovera 5‘000 aziende e circa 50‘000 persone occupate. Annualmente forma ben 10‘000 apprendisti e avvia all’attività professionale circa 2‘500 professionisti.

Inchiesta congiunturale

Ogni trimestre, il centro di ricerca congiunturale dell’ETH di Zurigo (KOF) interroga circa 70 installatori elettricisti in merito allo stato attuale dei loro affari e alle prospettive di eventuali mandati.

L'inchiesta congiunturale attuale mostra i seguenti risultati:

Il settore elettrico nel contesto dell’impiantistica

Il settore elettrico è un elemento essenziale nell’ambito dell’impiantistica. Oltre al settore elettrico, essa comprende anche le installazioni di impianti sanitari, a gas, di riscaldamento, ventilazione e climatizzazione.

Nel 2018, un totale di 14'178 luoghi di lavoro sono stati attribuiti al settore dell’impiantistica.

Oltre un terzo di questi posti di lavoro rientra nel settore elettrico. Dei 115‘329 occupati totali, ben il 44% (50‘633) opera nel settore elettrico. L'11% degli occupati nel settore (5'590) sono donne. 

Per quanto concerne la dimensione delle imprese, si riscontrano differenze di poco conto fra le imprese del settore elettrico e le restanti dell’ambito dell’impiantistica. Con circa l’82%, la quota di microimprese nel settore dell’impiantistica è superiore rispetto a quella del settore elettrico (72%), che invece segna un numero più elevato di piccole e medie imprese (25% contro 3%). Le grandi imprese ricondotte a livello generale al settore dell’impiantistica, appartengono in maggioranza al settore elettrico.

Gli studi di progettazione del settore elettrico sono statisticamente assegnati all'impiantistica-uffici d'ingegneria. Una chiara demarcazione dal resto del settore impiantistico non è possibile. La maggior parte degli studi di progettazione (1'009) sono microimprese von meno di 9 equivalenti a tempo pieno. La maggior parte degli occupati (3'597) lavora in piccole imprese con un massimo di 49 equivalenti a tempo pieno. Il 21% degli occupati nell'impiantistica-uffici d'ingegneria sono donne.

Struttura settoriale

Il settore elettrico si distingue per la sua stabilità. Il numero dei luoghi di lavoro ha infatti registrato cambiamenti poco significativi negli ultimi anni (2017: 4‘997 imprese, 2018: 5‘041 imprese). Tendenzialmente si rileva comunque una leggera flessione del numero di microimprese a favore di quelle piccole e grandi. Con il 72%, la quota delle microimprese rimane ad ogni modo molto elevata, come in precedenza.

Negli ultimi anni, il numero degli occupati nel settore elettrico è leggermente aumentato (2012: 46‘092 occupati, 2018: 50‘633 occupati).

Apprendisti e fine tirocinio

Nel 2020, 3.312 apprendisti sono iscritti a uno dei quattro formazioni di base nel settore elettrico. Di questi, il 95 o 3% erano donne.

Negli ultimi anni, nel settore elettrico sono stati impiegati complessivamente ogni anno circa 10‘000 apprendisti. La maggior parte degli apprendisti frequenta la formazione professionale di base per installatore/trice elettricista AFC, seguita da quella per elettricista di montaggio AFC.

Ogni anno il numero di tirocini conclusi si attesta a oltre 2‘500. Di conseguenza, il maggior numero di apprendisti che terminano il tirocinio si rileva fra gli/le installatori/trici elettricisti/e AFC (2020: 1‘558 diplomi, pari al 60%), seguiti poi dal gruppo degli/delle elettricisti/e di montaggio AFC (2020: 816 diplomi, pari al 32%).