Attenzione amianto!

Per decenni, l'amianto è stato considerato il materiale dalle mille possibilità, in quanto possiede proprietà ottimali per molti prodotti tecnici come nessun'altra fibra.

I prodotti contenenti amianto sono stati utilizzati, tra l'altro, come piastre, guaine o polvere da stampaggio per la protezione antincendio e l'isolamento termico, come guarnizioni per freni e frizioni nella costruzione di veicoli così come guarnizioni per elevate sollecitazioni termiche o chimiche. Anche se vietato dal 1990, l'amianto si trova ancora oggi in molte case più vecchie, ad esempio sotto forma di rivestimenti per facciate, combinazioni di apparecchi di comando (SGK), rivestimenti per tetti, rivestimenti per pareti e pavimenti, nei pannelli posti dietro gli impianti elettrici, come isolamento delle tubazioni o in fioriere.

Rischio per la salute

L’amianto è pericoloso se inalato. Anche piccole concentrazioni di polvere di amianto nell'aria possono favorire lo sviluppo di patologie polmonari come la placca pleurica, l'asbestosi, il cancro ai polmoni o il mesotelioma (un cancro della pleura o del peritoneo). Comune a tutte le malattie legate all'amianto è il loro lungo periodo di latenza. Questo periodo si attesta di norma tra i 15 e i 45 anni dall’inizio dell’esposizione. Attualmente, ogni anno dalla Suva vengono accertati circa 70 casi. Il numero è in costante crescita dalla metà degli anni Settanta. Ad oggi non vi è stato alcun calo da quando sono state adottate varie misure per ridurre l'inquinamento da polveri. Se si sospetta che una malattia possa avere origine in un'attività professionale che tratta materiale contenente amianto, il medico curante o il paziente colpito deve denunciare la malattia all'assicurazione infortuni dell'attuale o dell'ultimo datore di lavoro (anche se la persona colpita è già andata in pensione).

I lavoratori che effettuano la rimozione dell'amianto sono esposti a un maggior rischio per la salute. Per questo motivo, per la manipolazione dell'amianto a spruzzo e di altri materiali debolmente agglomerati contenenti amianto si applicano norme di protezione più severe. Queste vengono regolate dalla Direttiva della Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro (Direttiva CFSL n. 6503). Ai sensi dell’Art. 82 della Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF, SR 832.20), per prevenire gli infortuni professionali e le malattie professionali, il datore di lavoro deve prendere tutte le misure necessarie per esperienza, tecnicamente applicabili e adatte alle circostanze. D'altro canto, i dipendenti sono anche tenuti ad assistere il datore di lavoro nell'attuazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. In particolare, devono utilizzare dispositivi di protezione individuale, impiegare i dispositivi di sicurezza correttamente e non possono rimuoverli o modificarli senza l'autorizzazione del datore di lavoro.

In linea di principio, l'imprenditore è responsabile della contaminazione da amianto ai sensi dell'Art. 41 CO. Chiunque cagiona un danno ad un'altra persona in modo illecito, intenzionale o per negligenza, è tenuto al risarcimento del danno. Se durante i lavori di costruzione i dipendenti causano danni, l’imprenditore risponde nei confronti del committente ai sensi dell'Art. 55 cpv. 1 CO. L'imprenditore può essere esonerato dalla responsabilità solo se dimostra di aver adottato tutte le misure idonee alle circostanze per evitare tali danni o che il danno si sarebbe verificato nonostante tale premura. La responsabilità civile deve essere presa in particolare considerazione, poiché diversi assicuratori di responsabilità civile escludono la responsabilità per danni causati dall'amianto. È quindi importante escludere qualsiasi responsabilità nei confronti del committente per danni causati dall'amianto al momento della stipula del contratto.

Prodotti contenenti amianto

Il tempo di produzione o il tempo di installazione e la natura del prodotto possono indicare la presenza di prodotti da costruzione contenenti amianto. In caso di sospetto di amianto, è necessario adoperare cautela e prudenza. Chi strappa a mano materiali contenenti amianto può rilasciare molte fibre, che espongono il soggetto e i suoi collaboratori a un alto rischio per la salute. Ai sensi dell’Ordinanza sui lavori di costruzione (Art. 3, par. 1), un campione prelevato conformemente alla normativa deve quindi essere analizzato in un laboratorio specializzato per determinare se i materiali da costruzione sospetti contengono amianto. Un elenco di questi laboratori è presente anche sul sito della Suva.

Vecchi prodotti in cemento-amianto

Le misurazioni dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) e di altri istituti di ricerca confermano che i prodotti in cemento-amianto non inquinano l'ambiente. In questo modo, i prodotti in cemento-amianto, come vecchie ardesie per tetti e facciate, lastre ondulate, lastre per facciate o tubi in cemento-amianto, possono continuare ad essere utilizzati sino al termine del loro ciclo di vita senza mettere in pericolo l'uomo e l'ambiente. Il cemento-amianto non deve essere lavorato (segatura, foratura, macinazione) in quanto questo può rilasciare polvere e quindi fibre di amianto. I prodotti in cemento-amianto non devono essere riutilizzati. Tale riutilizzo comporterebbe quasi inevitabilmente il rilascio di polveri, che è potenzialmente pericoloso e proibito. Commerciare cemento-amianto è vietato dalla legge.

Vecchie lastre Pical

Fino al 1984 sono state prodotte lastre antincendio Pical contenenti amianto. Questi pannelli leggeri in amianto hanno una diversa composizione e diverse proprietà rispetto ai pannelli in cemento-amianto. Le lastre Pical contengono amianto debolmente agglomerato. Non devono essere lavorate o sottoposte a sollecitazioni meccaniche per evitare emissioni di amianto. La rimozione delle lastre Pical deve essere effettuata secondo la Direttiva CFSL n. 6503 (Direttiva n. 6503 della Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro) da esperti autorizzati dalla Suva, così da evitare l'esposizione alle emissioni di polveri durante lo smontaggio. Questi esperti possono essere generalmente consultati per chiarire il contenuto di amianto dei prodotti da costruzione e la corretta manipolazione degli stessi.

I pannelli leggeri in amianto da costruzione (pannelli leggeri contenenti amianto) sono stati in parte prescritti per la protezione antincendio e sono quindi ampiamente utilizzati. Gli ambiti applicativi erano:

Edifici

  • rivestimenti per porte tagliafuoco, nicchie per radiatori, pannelli fissati sotto i davanzali interni delle finestre
  • rivestimenti di pareti, in particolare per pareti tagliafuoco
  • rivestimento protettivo per pareti tagliafuoco
  • pareti di supporto leggere e sistemi di pareti divisorie ad elementi
  • rivestimenti di intradossi di scale e soffitti
  • superfici di soffitti ribassati

Installazioni, tecnologia di produzione

  • involucri nella tecnologia di ventilazione (ad es. ventilatori)
  • condotti di ventilazione e sfiato, condotti di aspirazione fumi
  • serrande antincendio
  • copertura di canali per cavi, tracciati e pozzetti per cavi
  • inserti di lastre nelle cabine degli ascensori
  • nell’ambito di componenti per le caldaie
  • isolamento e rivestimento dei riscaldatori ad accumulo di corrente notturna

Impianti elettrici, illuminazione

  • supporti posteriori o rivestimenti per parti da incasso in installazioni elettriche
  • supporti posteriori, inferiori e involucri degli apparecchi d'illuminazione
  • Riscaldatori elettrici ad accumulo

Riscaldatori elettrici ad accumulo

I vecchi riscaldatori elettrici ad accumulo possono contenere amianto. Il funzionamento di questi dispositivi è meno pericoloso che aprirli per la riparazione o smontarli in singole parti per facilitarne la rimozione. È interessata la maggior parte dei riscaldatori elettrici ad accumulo fino al 1977 e alcune marche fino al 1984. I componenti contenenti amianto contengono amianto debolmente agglomerato, le cui fibre possono essere rilasciate nell'ambiente durante le vibrazioni. Alcuni apparecchi contengono solo piccole parti contenenti amianto, come ad esempio gli anelli di tenuta. Altri tipi possono contenere pannelli di grandi dimensioni come isolante. Inoltre, in prossimità dell'impianto di riscaldamento è spesso presente amianto debolmente agglomerato, ad esempio come piastra di base o pannello in amianto per la protezione termica e antincendio sulla parete. Sebbene il rischio di utilizzo di riscaldatori ad accumulo contenenti amianto sia considerato basso, l’UFSP e la Suva raccomandano di rimuovere o sostituire i riscaldatori. I riscaldatori ad accumulo contenenti amianto o i riscaldatori ad accumulo per i quali non si è certi che contengano amianto non devono mai essere riparati o smontati dall'utente. Lo smontaggio degli accumulatori elettrici contenenti amianto deve essere effettuato da una ditta specializzata. Lo stesso dicasi per le riparazioni.

Impianti elettrici

Due aspetti devono essere presi in considerazione durante la lavorazione. Questo garantisce la protezione dei dipendenti e della collettività (nel caso degli elettricisti il cliente). Per questi due gruppi si applicano valori limite diversi. Per proteggere i dipendenti, si applica il valore MAC (concentrazione massima nei luoghi di lavoro) di 10’000 fibre di lavoro respirabili (LAF) per metro cubo d'aria. Per la collettività, il valore si attesta su 1'000 LAF/m&sup3.

La SUVA ha effettuato misurazioni durante la lavorazione (sostituzione dei contatori) e la sostituzione (rimozione) delle lastre Eternit contenenti amianto. I valori erano chiaramente al di sopra del valore MAC e di 1'000 LAF/m&sup3. Ciò significa che devono essere adottate misure per prevenire la contaminazione dell'edificio e gli elevati livelli di esposizione dei lavoratori. Devono essere evitate le operazioni di foratura, taglio, smussatura e attività di questo tipo.

Misure

È necessario adottare le seguenti misure:

1. Poiché l'amianto è cancerogeno, è importante non solo rispettare il valore limite, ma anche cercare di scendere ben al di sotto di esso. Questo obiettivo è raggiunto dai lavoratori che indossano maschere di protezione di tipo P3 durante questo lavoro. Queste maschere di protezione devono essere messe gratuitamente a disposizione dei lavoratori. Ad esempio, sono prodotti da 3M (maschera 8835 FFLPJ o G332 FFP3) e sono disponibili presso grossisti di materiale elettrico o presso varie aziende specializzate.

2. La diffusione della polvere deve essere evitata alla fonte. Ciò si ottiene al meglio con l'ausilio di un aspirapolvere industriale con filtro H (classe di polveri H secondo la norma EN 60335-2-69, con il requisito aggiuntivo per l'amianto). Non utilizzare aspirapolveri disponibili in commercio, in quanto soffiano la polvere fine nell'aria. La bagnatura e l'umidificazione aiutano anche a ridurre la quantità di polvere o a legare la polvere.

3. Se le piastre delle scatole di distribuzione elettrica non sono legate all'amianto come con le lastre Eternit, ma all'amianto debolmente agglomerato come con le lastre Pical, allora non si deve fare nulla. In questo caso deve essere consultata un'azienda specializzata, che le smaltisce professionalmente. Gli installatori elettrici possono smantellare un singolo SGK contenente amianto debolmente agglomerato con una superficie <= 0,5 m² solo se hanno completato la formazione offerta da SUVA e USIE e se lo smantellamento è possibile senza distruggere l'SGK.

4. I dipendenti devono essere istruiti su come procedere, preferibilmente per iscritto. Può essere utile il foglio di istruzioni "Identificare l'amianto - agire correttamente".

5. Lo smaltimento del materiale rimosso contenente amianto deve essere effettuato in conformità con le disposizioni delle autorità cantonali.

Bonifica

La bonifica è necessaria se i materiali contenenti amianto rappresentano un rischio per la salute. L’urgenza della bonifica è legata a svariati parametri. Vi è grande urgenza in tutte le forme di amianto debolmente agglomerato, in particolare l'amianto a spruzzo, dove le fibre sono rilasciate più facilmente. Occorre inoltre verificare se la superficie del materiale è danneggiata, se si verificano sollecitazioni fisiche o meccaniche e in che misura il materiale contenente amianto è direttamente o indirettamente accessibile alle persone. Naturalmente, anche l'uso dello spazio gioca un ruolo importante. Gli ambienti usati regolarmente hanno una maggiore necessità di ristrutturazione rispetto agli ambienti usati di rado. Il risanamento di siti contaminati da amianto è regolato dalla Direttiva CFSL n. 6503 e può essere eseguito solo da ditte specializzate che dispongono di personale specializzato con le necessarie conoscenze specialistiche. Sono inoltre tenuti a segnalare alla Suva le bonifiche di amianto debolmente agglomerato. La direttiva prescrive anche misure di protezione quali l'uso di respiratori, tute di protezione e la sigillatura del sito di bonifica e l'installazione di segnali di avvertimento. Una bonifica corretta dell'amianto debolmente agglomerato deve essere confermata da una misurazione di controllo finale.

Nel caso dell'amianto saldamente agglomerato, la bonifica è meno complicata. I Factsheet della Suva n. 33036.i “Bonifica di pannelli leggeri contenenti amianto da parte di ditte riconosciute” e n. 33031.i “Rimozione all’aperto di lastre in fibrocemento contenente amianto” informano sulla procedura corretta da seguire. È importante evitare qualsiasi formazione di polveri.

Smaltimento

EIT.swiss ha compilato un elenco delle imprese di bonifica dell'amianto disposte a raccogliere l'amianto dalle imprese di installazione elettrica e ad assisterle nello smaltimento dell'amianto. È possibile individuare rapidamente chi raccoglie l'amianto, dove e chi lo smaltisce professionalmente.